Scanzano Jonico

Basilicata > Matera

Luoghi di interesse

Mare, Torre Aragonese (o Torre del Faro),  Palazzo Baronale

Piatti Tipici

Il Mare

Scanzano Ionico è una località marittima, bagnata dal Mar Ionio offre delle ampie spiagge sabbiose. 

La Sabbia è chiara, finissima e soffice.  

L’acqua si presenta sulla riva nella maggior parte dei casi cristallina,  presenta un fantastico fondale ondulato. 

Non vi è presenza di scogli o sassi appuntiti, ma è possibile trovare ciottoli arrotondati e piccoli sassolini. 

E’ possibile ammirare dei piccoli pesci in prossimità della riva. 

Visita alla Città

Scanzano Ionico è una località marittima, bagnata dal Mar Ionio offre delle ampie spiagge sabbiose. 

La Sabbia è chiara, finissima e soffice.  

L’acqua si presenta sulla riva nella maggior parte dei casi cristallina,  presenta un fantastico fondale ondulato. 

Non vi è presenza di scogli o sassi appuntiti, ma è possibile trovare ciottoli arrotondati e piccoli sassolini. 

E’ possibile ammirare dei piccoli pesci in prossimità della riva. 

Dove e Cosa Mangiare?

Partiamo dai piatti tipici della tradizione di Scanzano Jonico

 

Acquasale:

Una Fetta di pane raffermo, soffritta con cipolla aglio e prezzemolo. 

Un aggiunta di pomodori pelati spaccati in due e acqua bollente 

 

Baccalà con peperoni cruschi:

Baccalà bollito, su olio e  peperoni cruschi fritti cosparso da prezzemolo tritato. 

 

Cavatelli e cime di Rape:

Gnocchetti con impasto di farina  fatti a mano accompagnati da delle cime di rapa prima bollite poi fatte soffriggere con olio aglio peperoncino.  

 

 

I Ristoranti

Palazzo Baronale

Il palazzo Baronale è un edificio feudale a pianta quadrata con corte interna e torre merlata , l’edificio attualmente ospita diversi uffici comunali. L’annessa cappella di recente è stata riconsacrata, se fate visita a Scanzano jonico potete fare un salto, all’ingresso del paese per far visita a questo monimento. 

Torre Del Faro

Turris Hischinzanae è l’antico nome della torre marina da cui ha preso il nome la località di Scanzano Jonico. Essa fu fatta costruire nel XVI secolo, durante il periodo aragonese, su ordinanza del vicerè spagnolo, per assolvere la funzione di avvistamento. Successivamente fu adibita a faro per i pescatori, tanto che oggi è nota come Torre del Faro.

Con la denominazione di “Torre la Scanzana” compare nel manoscritto del Cartaro (1613), mentre con l’attuale toponimo “Torre del Faro” è riportata sulla carta manoscritta della Terra d’Otranto (XVIII sec.), conservata nella Biblioteca Nazionale di Napoli.